Evasio Capra


Profumo di amicizia (a Mario Celso)

Eri come una vigna
come una terra grassa
mai stanche di dare

Era stanca la tua estate
e sei tornato nell’ombra
ma terra e vigna
son rimaste nel sole
e maturano i frutti
e rivive il tuo nome

Nostalgia e ricordo
ci riportan gesti e parole
e la nebbia notturna
è fumo vagante
e acre profumo
della tua sigaretta
mescolati al tuo dire
che arricchiva le ore

Tengo sempre in tasca
qualche preziosa moneta
del tuo sapere
che mi hai regalato

Parlavi e fumavi
e nella piccola brace
ancora ti vedo
come faro acceso
-Luminoso puntino -
appeso alle stelle
a far chiaro e dolce
il ricordo di te

1997

 

Via Mario Celso
- a Mario -

Si è spenta
Anche la luna
Ma alla Mura
una turbina
fa chiara la notte
e il suo ronzio
-eco della tua voce-
mi porta il ricordo.

In quel tempo il mattino
non sempre era sereno
e non sempre era piena
la cesta del pane.
Ma era colma la mente
Di sogni e progetti.

Dalla sorgente
del tuo ingegno
è sgorgata l’opera tua
che molto ha camminato
e ancora cammina
per l’impegno
di chi hai amato.

Fuso nelle tue invenzioni
e senza cercare la gloria
l’Oscar ti ha onorato.
Ma fedele a te stesso
sulla scala dei grandi
non hai voluto salire
per restare con noi
a seminar conoscenza.

Ora per sempre il tuo nome
alla targa è legato.
Ma se di li passeremo
ci verrà da pensare
che scenderai
sulla strada
per fare ancora
-un tocchetto con noi-

Sulla strada
Qualche goccia di pianto.
Sul tuo nome uno scroscio di applausi.

S.Antonino, 2 settembre 2005

 

 

Video

  • Bruna Bandera


    Quando tanti anni fa sposai Mario sapevo che avrei avuto come compagno una persona geniale che mi avrebbe sicuramente regalato una vita tutt’altro che monotona.

    Leggi tutto
  • Franco Celso

    Il profumo dell'officina

    A Natale sono sceso, abitavamo in piazza e sono sceso dalle scale e ho visto un piccolo banco da lavoro, con la borsa, le lime e tutto...

    Leggi tutto
  • Pinuccia Celso


    Titolazione Via Mario Celso
    2 settembre 2005

    Mario Celso è stato l’uomo più importante della mia vita perché era il mio papà!
    Il mio primo ricordo dei suoi insegnamenti risale a quando avevo circa 4 anni e seduta sullo scalino che divideva il soggiorno dalla cucina cercavo di capire perché la monetina che mio padre lasciava cadere dall’altezza di circa 50 cm sui miei piedi, servisse a misurare i riflessi.  

    Leggi tutto
  • Sergio Enrietta


    Mai come oggi così tanti e tutti assieme con Lei nostro Mario. Anche se ognuno di noi porta di Lei ricordi privati fatti di dialoghi fra pochi, non per escludere ma per non confondere.

    Leggi tutto
  • Evasio Capra


    Profumo di amicizia (a Mario Celso)

    Eri come una vigna
    come una terra grassa
    mai stanche di dare

    Leggi tutto