Conoscere, restarne affascinati e non poter dimenticare Mario Celso, di Maria Taddei


Signori buonasera,
lo sono stata una delle poche persone fortunate che ha potuto raccogliere una parte delle ultime testimonianze del Sig.Celso, sono ben lieta quindi di parlare in questa occasione dei ricordi che mi legano a lui. A questi ricordi ho voluto dare un titolo: Conoscere, restarne affascinati e non poter dimenticare Mario Celso.

I ricordi più forti del Sig. Celso di cui voglio parlare sono legati ad un episodio e a due suoi messaggi, voglio parlarne perché da questi che sono diventati i ricordi forti, io ne ho ricavato importanti regole di vita.
Mario Celso è stato per me una tra le poche persone che considero mie Maestre di vita, e Lui, tra queste, ha un posto molto in alto.

1°  episodio:
Ero in ospedale per un intervento, il mio umore non era certo dei migliori; il Sig. Celso, con mia grande sorpresa, mi mandò un libro, "Lilith", una raccolta di racconti di Primo Levi, autore che Lui amava moltissimo e del quale molto spesso parlava. Nella prima pagina del libro il Sig. Celso mi scrisse una dedica, una frase mi colpì particolarmente: "Lui (mi scrisse riferendosi all'autore) dice che il libro contiene dei racconti allegri e tristi, come allegri e tristi sono i nostri giorni. Lei ora legga solo quelli allegri e torni presto".

lo ho riflettuto molto su quanto e quale contenuto fosse racchiuso in così poche parole (ce ne sarebbe stato quasi da scrivere un altro libro); in ogni caso, da quelle parole, poche ma ricche di significato, ho imparato ad essere più positiva e a guardare avanti con più sicurezza, rimuovere velocemente i ricordi degli eventi negativi e concentrarmi su quelli positivi.

Mario Celso aveva la capacità di racchiudere in frasi concise ed essenziali grandi insegnamenti.

I suoi messaggi: Il 1°:

È un messaggio che tutti coloro che hanno conosciuto Mario Celso sicuramente ricordano, perché lui lo ripeteva frequentemente, era quasi una Sua idea forza:
"Per avere successo nella vita, bisogna amare e avere passione per il proprio lavoro".

Il 2°:

Non è forse così noto, ma io lo trovo grande ed è per questo che lo voglio raccontare.

Era il suo modo per sgridarmi alla sera. lo allora ero qui a S.Antonino e alla sera, quando vedeva la luce accesa nel mio ufficio dopo una certa ora, arrivava e mi diceva: Ma lei ce l'ha una casa? E, alla mia risposta affermativa, mi diceva: e allora ci vada. Poi, si sedeva e mi raccontava episodi ed aneddoti della sua vita, che avevano però sempre un filo conduttore, le cose importanti della vita, ed ogni volta il suo discorso finiva all'incirca così: "Si ricordi che bisogna sapersi creare le condizioni per vivere bene, nel senso di stare bene con se stessi, trovando soddisfazione in tutto ciò che onestamente si fa, ma ricordandosi anche di sapersi ritagliare ogni giorno (e per questo mi mandava a casa) lo spazio per una piccola gratificazione personale, dedicandosi un po' di tempo, prendendosi cura di se stessi e rispettandosi, insomma facendo ogni giorno un po' di quello che ci piace".

Oggi, è proprio Lui che ci offre l'opportunità di vivere un momento di soddisfazione e di piacere, un momento in cui possiamo sentirci bene partecipando a questa cerimonia, in questa Via, che in Suo Onore, da oggi, 2 settembre 2005, ne porterà il segno.

Grazie Signor Celso!


2 settembre 2005

  • Un ricordo di Mario Celso, di Benvenuto Gamba


    Sono nato a Torino nel 1943, nel pieno della seconda guerra mondiale, da una famiglia borghese. Mio padre era funzionario di banca e la vita in città, in quegli anni, era difficile anche per famiglie come la mia. Non era facile reperire il cibo. Nei primi anni della guerra ricevevamo uova, formaggi, frutta e verdura da un contadino che conduceva una tenuta agricola di nostra proprietà, ma con il proseguire della guerra non gli fu più possibile raggiungere la città. Fu così che conobbi l’olio e lo zucchero solo dopo la fine del conflitto.

    Leggi tutto
  • Un ricordo di Mario Celso, di Claudio Saracco


    Sono nato a Torino il 31 luglio 1940 dove ho frequentato il Liceo Classico Cavour. Mi sono poi laureato in Economia e Commercio.

    Dopo il servizio militare ho deciso che avrei fatto il commercialista, e così è stato.

    Leggi tutto
  • Un ricordo di Mario Celso, di Renato Maria Chieli


    Sono nato a Torino il 1 luglio del 1948. Mi sono laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Torino nel 1974 e, benché nessuno della mia famiglia avesse un lavoro in qualche modo attinente alla professione che poi ho intrapreso, ho scelto di fare il commercialista.

    Leggi tutto
  • Il Valore di Uomo, di Pio Gioberto


    Il valore di Uomo si esprime a partire dai piccoli e concreti gesti di ogni giorno. E Mario Celso è stato un Grande Uomo cominciando dal suo agire quotidiano.
    Il mio ricordo su Mario Celso risale al 1976, anno del mio ingresso in IREM, in qualità di responsabile dell'officina meccanica di Chiusa San Michele.

     All'epoca l'officina era in gestione alla IREM su un accordo verbale tra Mario Celso e il Sig. Dario Cantore, proprietario dell'officina stessa.

    Leggi tutto
  • Conoscere, restarne affascinati e non poter dimenticare Mario Celso, di Maria Taddei


    Signori buonasera,
    lo sono stata una delle poche persone fortunate che ha potuto raccogliere una parte delle ultime testimonianze del Sig.Celso, sono ben lieta quindi di parlare in questa occasione dei ricordi che mi legano a lui. A questi ricordi ho voluto dare un titolo: Conoscere, restarne affascinati e non poter dimenticare Mario Celso.

    Leggi tutto
  • Saluto di Paola Comolli – Presidente Unitre di Sant’Antonino di Susa

    Concerto “Omaggio a Mario Celso”  - Chiesa Parrocchiale - 3 marzo 2017 

    Buona sera e grazie per aver aderito così numerosi alla proposta dell’Università della Terza Età e della Società Filarmonica di Sant’Antonino: un Concerto in onore di Mario Celso in occasione del centenario dalla nascita. Un Concerto di musica classica e bandistica perché il sig. Celso amava la musica classica, studiò musica, si cimentò nel suonare l’organo; amava la banda musicale del suo paese e la moglie, la sig.ra Bruna Bandera, accettò di diventare la madrina di bandiera in occasione della sua rifondazione avvenuta 40 anni or sono.

    Leggi tutto
  • Mario Celso nei ricordi di Massimo Bandera

    Iniziai ad occuparmi di bonsai all’età 11 anni e ben presto mi resi conto come questo fosse il cammino più adatto a me. Nella non breve carriera ho avuto modo di girare il mondo e conoscere molte persone e, al contempo, apprezzare quei familiari che hanno avuto una grande influenza su di me. Io ne ho avuti, tutti grandissimi!

    Leggi tutto

Rassegna Stampa

Rassegna stampa:

LUNA NUOVA
Mario Celso: un ricordo in musica per i suoi 100 anni (file .pdf - 557 kb)

L'AGENDA NEWS
A Sant'Antonino un omaggio a Marcio Celso (link)

LA VALSUSA
Musica per i 100 anni dell' "Oscar" Mario Celso (file .pdf - 1,7 Mb)

LA GAZZETTA DEL PIEMONTE
Da Torino a Hollywood (file .pdf - 822 kb)

LA REPUBBLICA
Un Oscar a Celso (file .pdf - 2,4 Mb)

LA STAMPA
Mario Celso premiato insieme con Salvatores (file .pdf - 5 Mb)

LUNA NUOVA
L’Oscar a Celso (file .pdf - 5 Mb)

LUNA NUOVA
Un Oscar per il raddrizzatore (file .pdf - 2,6 Mb)

LUNA NUOVA
Il giorno di Mario Celso (file .pdf - 2,5 Mb)

START
A Los Angeles, il Cinema premia l’Industria (file .pdf - 2,8 Mb)

TUTTO SCIENZE
Cinema e tecnologia “Oscar” a un italiano (file .pdf - 3,5 Mb)

LA BIBLIOTECA DI SEGUSIUM
Uomini e temi del Novecento valsusino (file .pdf - 2,6 Mb)

LA VALSUSA
La Centrale Enel dedicata a Mario Celso (file .pdf - 1,6 Mb)

LUNA NUOVA
La centrale Enel Green Power porterà il nome di Mario Celso (file .pdf - 419 Kb)

LUNA NUOVA
La scuola di musica intitolata al fondatore dell'IREM (file .pdf - 884 Kb)

LA VALSUSA
La scuola di musica dedicata a Mario Celso (file .pdf 762 kb)

LA VALSUSA
Porte aperte alla IREM, l'Unitre ricorda Mario Celso (file .pdf 379 kb)

LUNA NUOVA
Mario Celso, nato per il cinema (file .pdf 841 kb)

LA VALSUSA
Ricordato Mario Celso, premio Oscar per l'ingegno (file .pdf 705 kb)

LUNA NUOVA
S. Antonino, una via per Mario Celso (file .pdf 964 kb)

LA VALSUSA
Ecco "via Mario Celso" (file .pdf 906 kb)